Mercoledì, 26 Giu 2019
Tu sei qui: Home
Arcidiaconato del Cadore ideato da MBove

Cortina d'Ampezzo
Parrocchia dei Santi Filippo e Giacomo apostoli
Altitudine  m 1221 Abitanti  5954
stemma CortinaFesta patronale il  3 maggio: santi Filippo  e Giacomo apostoli. Si festeggiano insieme, perché le loro  reliquie,  trasportate  a  Roma,  furono  oggetto  comune  di  venerazione.  San  Giacomo  è  il  “Minore”,  vescovo di Gerusalemme ed autore della lettera del Nuovo Testamento che esorta alla pazienza ed al rispetto delle persone.Richiama  i ricchi: "Le vostre  ricchezze si  sono putrefatte e  le vostre  vesti son rose dalle tarme.  L'oro  vostro e il vostro argento si sono arrugginiti e la ruggine loro si alzerà a testimone contro di voi". Richiama alla coerenza della fede e delle opere: "Mostrami, se puoi, la tua fede senza le opere, ed io ti mostrerò con le opere la mia fede".
Altre feste:
19 gennaio, Madonna della Difesa, detta “Festa di voto”.
Canonica: via Mercato,12-32043 Cortina d' Ampezzo-Tel. 04365747
Chiesa pievanale-decanale: corso Italia www.parrocchiacortina.it
santi Filippo e GiacomoUna chiesa è documentata dal 1203. Ricostruita completamente dal 1770 al 1775, dedicata nel 1900. E' in stile barocco tedesco, opera dei fratelli G. e G.B. di Matteo Costa (o Promperger) di La Valle di Badia.
Altre chiese e cappelle:
Madonna della Difesa (ricostruita nel secolo XVIII)
S. Francesco(secoli XV-XVIII),in centro
Madonna della Salute (secolo XVIII), a Cadìn
Madonna di Lourdes (1905-1909), a Verocai
S. Rocco (secolo XVII), a Zuèl
S. Andrea (secolo XIX), a Col
S. Antonio (secolo XVIII), a Chiave
S. Giuliana (secolo XVIII), ad Alverà
SS. Trinità (secolo XVII), a Maión;
S. Nome di Maria (1933), a Cojana
S. Candido (secolo XVIII), a Campo
S. Nicolò (secoli XV-XVI), a Cimabanche


Santuario della Madonna della Difesa cortinaAffidato dall'anno 1941 ai Francescani
Festa il 19 gennaio: Madonna della Difesa, detta "Festa del voto".
Convento: via della Difesa -32043 CORTINA d' Ampezzo -Tel. 0436 863713
Con testamento dell'anno 1441 donna Alegranza lasciò tutti i suoi beni  all'ospizio dei Battuti che sorgeva presso il ponte sul Bigontina, con l'obbligo di costruire un capitello con l'immagine della Madonna. La chiesa venne costruita dalla confraternita dei Battuti nel 1476 e consacrata nel 1482. Il culto della Madonna con il titolo "della Difesa" ebbe  origine, secondo le leggende, dalla  miracolosa  protezione durante un'invasione. La  chiesa venne ricostruita negli anni 1743-1748, chiusa al culto nel 1782 per decreto imperiale che soppresse la confraternita, riaperta  dieci anni dopo. Nel 1797 il Consiglio comunale ripristinò  in perpetuo la  "festa del  voto", ancor oggi la più sentita ricorrenza ampezzana. Conserva la statua lignea quattrocentesca della Madonna, affreschi settecenteschi,tele di F. A. Zeiler (1716-1794).