Mercoledì, 26 Giu 2019
Tu sei qui: Home
Arcidiaconato del Cadore ideato da MBove

Valle di Cadore
Parrocchia di San Martino vescovo
Altitudine  m 819 Abitanti  1500

Festa patronale l'11 novembre, san Martino di Tours. Nacque verso il 316 in Ungheria, da genitori pagani.
Fu avviato al servizio militare e si convertì al cristianesimo. Dopo il battesimo, lasciò la vita militare e si ritirò a vita ascetica, fondando il primo monastero dell Occidente, in Francia. A quell epoca la maggioranza della popolazione era pagana. Svolse una grande opera di evangelizzazione prevalentemente Valle di Cadoretra i poveri delle campagne, con una instancabile predicazione, accompagnata da numerosi miracoli. Amò intensamente le comunità cristiane che fondava,adoperandosi per la loro solidità e coesione. Fu ordinato sacerdote e per obbedienza, in un momento difficile sia per lui, già stanco e malato, che per la Chiesa senza persone preparate alla sua guida, accettò di essere consacrato vescovo di Tours. Morì, rimpianto da tutti, l 11 novembre 397, durante una missione di riconciliazione. Il suo culto si diffuse rapidamente in tutta Europa, diventando uno dei santi più amati e conosciuti.
Altre feste:
• 24 giugno, san Giovanni Battista;
• la prima domenica di ottobre, Madonna del Rosario
.
Canonica: via Antelao, 5-32040
VALLE DI CADORE-Tel.
0435 519098
Chiesa pievanale: in borgata Costa
Una chiesa esisteva prima del 1208; ricostruita nel secolo XVI; l'attuale nel 1718-1719, ma il coro, nuovamente pericolante, fu ricostruito  nel 1873. Contiene  dipinti  di F.  da Milano (secolo XVI), A. Lazzarini, A.  Bettìo.Lorgano è di F. Dacci (1768), restaurato nel 2002.
Altre chiese:
Madonna della Pietà (Addolorata), ricostruita nel 1897-1898, sulla strada principale;
Ss. Rocco e Sebastiano costruita nel 1527, bruciata nel 1853, ricostruita nel 1865;
SS. Trinità, a Zovàl eretta nel 1659 per voto fatto in occasione della peste. Juspatronato di varie famiglie;
Madonna del Carmine eretta nel 1637, di juspatronato Galeazzi, in via Carducci;
Madonna della Neve e santi Filomena e Fermo martiri, costruita nel 1844, nella borgata di Vallesina.


Venàs  Altitudine  m 860 Abitanti  595Venas di Cadore
Parrocchia di San Marco evangelista
Festa patronale il 25 aprile, san Marco evangelista.

Seguì san Pietro a Roma, ne fu il discepolo ed interprete, mettendone per iscritto la predicazione nel suo Vangelo. Andò poi ad Alessandria d'Egitto, dove fondò una comunità cristiana e morì martire. Nel IX secolo le sue spoglie vennero sottratte e portate a Venezia.
Altre feste:
• il 3 dicembre, san Francesco Saverio.
Canonica: via Roma, 61- 32040  VENAS -Tel. 0435 73015
Chiesa parrocchiale: via Roma

Una chiesa  esisteva  a Suppiane già  prima  del 1234. L'attuale  parrocchiale,  nel  centro di  Venàs,  venne costruita dal 1840 al 1842 e consacrata nel 1847. E' in stile neoclassico, su disegno dell ing. Pigazzi, allievo del Segusini. Conserva sulla parete del coro un trittico di Francesco Vecellio.
Altre chiese:
S. Marco (secolo XVI), a Suppiane;
S. Elisabetta (secolo XVII), a Lasta, privata;
S. Giacomo, in località Dovesto.

Cibiana di Cadore
Cibiana di cadoreParrocchia di San Lorenzo martire  Altitudine  m 1025 Abitanti  483
Festa patronale  il 10 agosto:  san Lorenzo. Il 10 agosto del 258, a  Roma, dopo atroci  torture, Lorenzo fu condotto a morire bruciato vivo (o decapitato, secondo altre fonti). Quattro giorni prima era toccato al papa Sisto II ed agli altri collaboratori. Lorenzo al vederlo partire verso il martirio si era lamentato con lui: "Padre santo, tu non hai mai  avuto l'abitudine di offrire il sacrificio senza il tuo servitore, forse che mi hai trovato indegno?" E il Papa martire: "Figlio mio, non t' abbandono, ma ti aspettano più aspri combattimenti, tra poco mi seguirai." Lorenzo era l'amministratore di fiducia dei beni della comunità e si adoperò subito a mettere al sicuro i beni che amministrava:li distribuì ai  poveri. Quando il giudice volle sapere dove custodiva il tesoro della Chiesa, lo condusse a vedere: una folla numerosissima di poveri. Il giudice, dopo numerose e atroci torture, tentò l'ultima carta; lo fece deporre su  una graticola infuocata.  Ma "le fiamme  - commenta san Leone  - non poterono vincere la  carità di Cristo e il fuoco che lo bruciava fuori fu più debole di quello che gli ardeva dentro." Al martire Lorenzo, amatissimo dai cristiani, furono innalzate chiese in tutto il mondo. A Roma se ne contano 34, la principale è quella in agro Verano sulla via Tiburtina, nel luogo dove fu sepolto. In Cadore gli sono dedicate le chiese di Selva, Cibiana, Sottocastello,Lozzo, Casada ed altre minori. Il messaggio che Lorenzo ha impresso nella memoria storica è senza dubbio l'amore della Chiesa verso i poveri.
Altre feste:
Madonna del Carmine, il 16 luglio ma celebrata la domenica più vicina;
Madonna Addolorata, il 15 settembre.
Canonica: via Masarié
32040 Cibiana di Cadore

Tel. 0435 519098-328 1820778 Chiesa parrocchiale: via Masarié

L'attuale chiesa è stata costruita nel 1852 su disegno dell'architetto G. Segusini, ma vi era una chiesa già nel  1304 (o  1366) ed  un'altra  venne consacrata  nel 1502,  probabilmente nel  luogo  dell'attuale.  L'organo  è  del 1898, fabbricato dalla ditta Aletti di Monza.
Altre chiese e cappelle da visitare:
Madonna del Carmine, a Masarié, eretta tra il 1699 e il 1708
S. Osvaldo, a Pianezze, costruita nel 1710, con tabernacolo di V. Besarèl
S. Nicolò, a Cibiana di Sotto. La vecchia chiesa, forse la più antica del paese, fu distrutta da un incendio nel 1834 e ricostruita nello stesso anno.