Giovedì, 21 Feb 2019
Tu sei qui: Home
Arcidiaconato del Cadore ideato da MBove

Candide 
Parrocchia di Santa Maria Assunta
Altitudine  m 1210 Abitanti  1100

Festa patronale il 15 agosto: Madonna Assunta. San Giovanni Battista e sant'Andrea apostolo compatroni.  La  festa  dell'Assunzione  è di  origine  orientale  (Dormitio Virginis),  probabilmente introdotta  in Occidente nel secolo VII e diventata nel sentimento popolare una delle feste maggiori di tutto l'anno. Il privilegio per cui Maria terminata la sua vita terrena, senza attendere la fine dei tempi fu elevata alla gloria celeste con l'anima e col corpo fu  oggetto di una  lunga discussione teologica  definita  da papa Pio  XII con  la costituzione dogmatica  del primo novembre 1950.
Altre feste:
Candideprima domenica di ottobre, Madonna del Rosario
21 novembre, a Casamazzagno, Madonna della Salute
Canonica: via Natale Talamini, 2 -32040 Candide
Tel. 0435 68847
e-mail  parrocchiacandide@diocesi.it  www.diocesi.it/candide
Chiesa pievanale: piazza Mons. G. De Cassàn
La chiesa  dedicata alla Madonna è documentata già  nel 1186. L'attuale fu costruita dal 1784  al 1791 su progetto di  Domenico  Schiavi  di Tolmezzo,  consacrata  il 30  ottobre 1806. Custodisce:  il prezioso  organo di  G.Callido, affreschi di G. De Min, opere della scuola del Tiziano, di V. Besarèl.
Da visitare anche:
S. Antonio abate, a Candide, del capomastro N. Ruopèl (1538)
Madonna della Salute, a Casamazzagno, benedetta nel 1870, con opere di T. Da Rin
S. Leonardo, a Casamazzagno, del capomastro N. Ruopèl, consacrata nel 1548


San Nicolò di Comelico
Parrocchia di San Nicolò vescovo Altitudine  m 1000 Abitanti  425

Festa patronale il 6 dicembre, san Nicola (vedi Perarolo). San NicolòCompatrono san Michele arcangelo (29 settembre),  un tempo celebrato con particolare solennità.  E'  l'antico patrono della Sinagoga e  della Chiesa universale,del quale  dice  l'Apocalisse: "Michele  e i  suoi angeli  combattevano  contro il  dragone.  Il  dragone e  i suoi angeli ingaggiarono battaglia, ma non poterono prevalere e nel cielo non vi fu più posto per loro".
Altre feste:
15 agosto, Madonna Assunta.
Canonica: via Capoluogo, 35-32040 San Nicolò di Comelico  
Tel. 0435 429018  -  0435 650074 (abitazione a Danta)
Chiesa parrocchiale: nel capoluogo
La chiesa antica esisteva già nel 1213. L'attuale fu costruita nel 1475 dal capomastro Giovanni da Como,affrescata nel 1482 da Gianfrancesco da Tolmezzo ed ampliata nel secolo XVII.
Altre chiese e cappelle:
S. Daniele, a Costa
S. Cuore di Gesù, a Campitello (privata)
SS. Trinità, a Gera
dei Caduti di Cima Vallona, in località Tamai


DantaDanta di Cadore
Parrocchia dei Santi Rocco e Sebastiano Altitudine  m 1400 Abitanti  552

Feste patronali: il 20 gennaio, san Sebastiano; il 16 agosto, san Rocco (vedi Dosoledo). Secondo la tradizione, Sebastiano era milanese, ufficiale dell'esercito imperiale e un favorito dell'imperatore Diocleziano. Quando si scoprì che era cristiano e convertiva commilitoni e prigionieri, fu legato ad un albero, fatto bersaglio dagli arcieri e finito a mazzate, nel 288. Sulla sua tomba, a Roma lungo la Via Appia, venne edificata Dantauna basilica nel IV secolo. Invocato contro la peste.
Altre feste:
• la terza domenica di ottobre, Madonna della Purità.
Canonica: via Roma, 22  -  32040 DANTA  -  Tel. 0435 650074
Chiesa parrocchiale: in centro.
La  prima  chiesa  fu  costruita  nel  1486.  L'attuale  fu  costruita  nel  1786  su  progetto  di A.  Del  Fabbro  di Tolmezzo, ampliata nel 1938  su progetto dell'architetto R. Alfarè. Pala raffigurante la Madonna col Bambino ed  i santi Rocco e Sebastiano, di Francesco Vecellio. Campanile progettato da pre' S. De Lorenzi (1903).
Altre cappelle:
S. Barbara
S. Massimiliano Kolbe

 

 Comelico Superiore Pàdola Parrocchia di San Luca evangelista
Altitudine  m 1200 Abitanti  950
Festa patronale la terza domenica di ottobre: san Luca evangelista. Di san Luca, autore del terzo VangeloPadola e degli Atti degli  apostoli, conosciamo  così poco da  non poter  azzardare una pur  essenziale biografia.  Nato ad Antiochia, cominciò la propria missione e scrisse il suo Vangelo in Grecia ed ivi (in Boezia) morì martire all età di 84 anni. Luca riporta eventi e detti di Gesù che non troviamo negli altri Vangeli. E un narratore colto, che sa quanti dettagli inserire e come offrire significativi profili di personaggi. Nel suo Vangelo inoltre troviamo il racconto più completo  e dettagliato della  nascita  di Gesù, a  partire  dall annunciazione e  la visitazione. Antichi commentatori hanno dedotto che Luca abbia ottenuto molte informazioni da Maria stessa. E' il santo protettore della professione  medica  e patrono  dei  pittori.  Nell iconografia  Luca  è raffigurato  solitamente nell atto  di  scrivere i  libri  sacri,accompagnato dal  simbolo  di un  giovane  bue  (o toro) alato.  Sue reliquie  sono  venerate  a Costantinopoli  ed a Padova.
Altre feste:
la terza domenica di luglio, Madonna del Carmine
26 luglio, S. Anna (nella chiesetta in località Selva)
Canonica: piazza S. Luca, 12  - 32040 PADOLA  - Tel. 0435 67120
Chiesa parrocchiale: piazza S. Luca
Una chiesa è documentata  dal 1401, dov'è ora la piazza. L'attuale, dopo  l'incendio e la ricostruzione  del
paese in base ad un piano regolatore, fu costruita su disegno di G. Segusini tra il 1862 ed il 1869. Conserva una tela di Cesare Vecellio.
Altre chiese:
S. Anna (1699), in località Selva
Madonna delle Grazie (1859), in borgata Ponte


Costalta
Parrocchia di Sant'Anna  madre della beata Vergine Maria
CostaltaAltitudine  m 1300 Abitanti 532

Festa patronale il  26 luglio, sant' Anna madre di  Maria. I Vangeli non danno alcuna notizia dei genitori di Maria; ne riferiscono invece gli scritti apocrifi, sul modello della storia di Anna, sterile, madre del profeta Samuele.
Il cantico di Anna madre di Samuele ("Il mio cuore esulta in te, Signore: tu, mio Dio, m'hai fatto rialzare la fronte") prefigura il Magnificat. La madre di Maria era venerata in Oriente già nel secolo VI; la sua festa, già presente nella devozione popolare, venne istituita in Occidente nel 1584.
Altre feste:
in luglio, Madonna del Carmine
Canonica: via Casanova  -  32040 COSTALTA
  -  Tel. 0435 460023 Chiesa parrocchiale: via Casanova
Fondata nel secolo XVII, ricostruita nel 1820 e nel 1862 su disegno dell'ing. A. Pante, consacrata 1948.
Dosoledo                                                              Dosoledo
Parrocchia dei SantiRocco e Osvaldo,
Altitudine  m 1200 Abitanti  450
Festa patronale la domenica successiva al 16 agosto: san Rocco

Venerato in Francia e in Italia dagli inizi del XV secolo, era molto popolare, ma le notizie biografiche sono incerte. Nacque probabilmente a Montpellier, nel Sud della Francia, verso il 1350. Era il figlio del governatore della città e, rimasto orfano all età di vent anni, distribuì i suoi beni ai poveri e si recò in pellegrinaggio a Roma. Durante il viaggio soccorse e guarì i malati di peste ad Acquapendente, Cesena, Roma, Rimini e Novara. Contrasse il morbo a Piacenza, ma non volle essere curato in ospedale, si trascinò in un bosco fuori dalla città, sulle rive del Po, per morirvi. Venne nutrito miracolosamente da un cane, che ogni giorno gli portava del pane, e venne trovato e curato dal padrone del cane. Tornato a Montpellier da uno  zio  che  era sopravissuto,  questi non  lo riconobbe.  Un'altra versione dice che presso  il Lago  Maggio  fu scambiato per una spia. Venne quindi arrestato e rimase in prigione per cinque anni, fino alla morte, dimenticato da tutti, nel 1380. San Rocco è invocato contro il colera, le malattie veneree, la peste e le altre malattie contagiose;  è protettore dei  pellegrini  e  dei viaggiatori. Secondo  una tradizione, i  Veneziani  nel  1485 ne  trasportarono dall'Oriente le reliquie, che vi si venerano nella sua chiesa; a Venezia nel 1478 fu pubblicata una sua biografia.
Altre feste:
Madonna Addolorata, la terza domenica di settembre (processione nel pomeriggio)
S. Lazzaro, il 17 dicembre (a Sacco)
S. Elisabetta, il 4 luglio (a Sacco)
Canonica: piazza S. Luca, 12 - 32040 PADOLA
 -Tel. 0435 67120 (Dosoledo)
Chiesa parrocchiale: Dosoledo
La prima chiesa fu costruita per voto dal Comune nel 1521. L'attuale è del 1844, su disegno del friulano G.B. Cabassi modificato da G. Segusini. Conserva un pregevole altare intagliato da A. Brustolón.
Altre chiese:
S. Lazzaro e S. Elisabetta (secolo XIX), in borgata Sacco

Santo Stefano di CadoreSanto Stefano di Cadore  Altitudine  m 950 Abitanti  1300
Parrocchia di Santo Stefano primo martire
Festa patronale il 26 dicembre, S. Stefano. E' il primo  dei martiri cristiani, giovane diacono molto attivo e generoso,  innamorato  di  Dio  e  dell uomo  al  punto  di  offrire  la  sua  vita  nella  prima  comunità  cristiana  di Gerusalemme.
Santo StefanoAltre feste:       
il 24 giugno, S. Giovanni Battista;
la prima domenica di ottobre, Madonna del Rosario, con suggestiva processione.
Canonica: via Udine, 50
32045 Santo Stefano di Cadore -Tel. 0435 62265 
Chiesa pievanale: piazza Roma   
Documentata dal 1208, fino al secolo XVII fu pievanale di tutto il Comelico. Ricostruita nel 1670, l'architetto  è frate Tommaso Simonetti da Ancona. Pitture  di Cristoforo Monforti (1672),  organo costruito nel 1852 da G.Bazzani, allievo di G. Callido.
Altre chiese:
Madonna delle Grazie” (secolo XVIII), in borgata Transacqua, aperta in maggio e ottobre per il rosario,vi si celebra la messa in estate al sabato mattina.

Costalissoio Altitudine m 1250 Abitanti 470
Parrocchia della Santissima Trinità
CostalissoioFesta patronale la  domenica dopo  Pentecoste, santissima Trinità (vedi Ospitale). La  dichiarazione  della resurrezione e  della Trinità nel Vangelo di  san  Matteo: "Gli  undici  discepoli andarono in  Galilea,  sul  monte che Gesù aveva loro indicato. Quando lo videro, si prostrarono davanti a lui, benché alcuni avessero dubitato. E Gesù,avvicinatosi, disse loro: <<Mi è stato dato ogni potere in cielo e in terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando a loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine del mondo>>".
Altre feste:
il 15 agosto, Madonna Assunta.
Canonica: via Costalta, 8
32040 Costalissoio
-Tel. 0435 62327
Chiesa parrocchiale: piazza SS. Trinità
Costruita nel secolo XVI e ricostruita nel 1853 dall architetto G. Segusini, consacrata nel 1858.
Altre chiese:
S. Lorenzo martire, in Casada, costruita nel 1855.
Campolongo Altitudine m 940  Abitanti 1000
P
arrocchia di San Giacomo apostolo,

CampolongoFesta  patronale  il  25  luglio,  spostata  alla  domenica  più  vicina:  san  Giacomo.  Fratello  dell'evangelista Giovanni, di indole impetuosa ("figli del tuono"), con lui rispose  prontamente alla chiamata di Gesù e fu il primo degli apostoli ad essere martirizzato, nel 44. Secondo una tradizione evangelizzò la Spagna, della quale è patrono. La sua tomba, a Compostella in Galizia, divenne, dopo Gerusalemme e Roma, la più importante meta di pellegrinaggi del Medioevo.
Altre feste:
penultima domenica  di agosto, Madonna della Salute, con caratteristica processione nel  pomeriggio per le vie del paese addobbato di fiori.
Canonica: piazza S. Giacomo, 18  -  32040 Campolongo di Cadore -  Tel. 0435 62344
Chiesa parrocchiale: piazza S. Giacomo

Una chiesa esisteva già nel 1477. L'attuale fu costruita nel 1858, in stile neoclassico con pianta ottagonale, architetto G. Segusini. Consacrata l 11 luglio 1877.
Altre cappelle:
Madonna della Difesa, al passo Merendera, costruita nel 1927 dal mansionario Pio De Martin.
San Pietro di Cadore Altitudine  m 1050  Abitanti  1350
Parrocchia di San Pietro apostolo
Festa patronale il 29 giugno, san Pietro. Si chiamava Simone ed era figlio di Giona e fratello di Andrea, più anziano di lui.San Pietro di Cadore E' al fianco del Signore quando opera miracoli ed è testimone di tutti gli avvenimenti più importanti che riguardano Gesù. Pietro fu sincero per tutti e con tutti, e questa sincerità lo fece degno di diventare la pietra su cui è costruita la Chiesa.
Altre feste:
a S. Pietro il 13 dicembre, S. Lucia vergine e martire
a Presenaio il 31 ottobre, S. Volfango vescovo
a Valle il 10 agosto, S. Lorenzo martire.
Canonica: piazza Roma, 6  
32040 San Pietro di Cadore -  Tel. 0435 460018
Chiesa parrocchiale: piazza Roma
Una chiesa è documentata già nel 1285, sul colle, circondata dal cimitero. Riedificata con il campanile agli inizi del secolo XVI. Nel secolo XVIII vennero aggiunte le due navate laterali.
Altre chiese:
S. Volfango (secolo XVII), a Presenaio, recentemente restaurata, con un pregevole altare ligneo
S. Lorenzo (secolo XX), a Valle
Madonna della Neve, costruita nel 1966, in Val Visdende. Si venera in essa l'immagine di san Giovanni Gualberto, patrono delle guardie forestali. Vicino alla chiesa il papa Giovanni Paolo II ha celebrato la messa il 12 luglio 1987.